Cerca per marchio

Marca

Bollino patatino approvato

Consulenza

pulsante dieta vegetariana
pulsante siti amici

Facebook page

Che Cosa Mi Vuoi Dire di Stefano Cattinelli
  • Che Cosa Mi Vuoi Dire di Stefano Cattinelli

Animali Specchio dell'Anima Prefazione di Stefano Cattinelli

12,50 €
Tasse incluse

Vivono le nostre emozioni, condividono i nostri malesseri, sono legati profondamente a noi

Quantità

ANIMALI SPECCHIO DELL'ANIMA.

Vivere assieme agli animali, per tutti noi, significa aprire gli occhi verso i bisogni della nostra anima.

Autore: Ruediger Dahlke e Irmgard Baumgartner.

Gli animali domestici sono legati in modo profondo e inseparabile alle persone con le quali vivono: provano le loro stesse emozioni e possono condividerne gioie e malesseri.

Attraverso numerosi esempi provenienti da un'attenta pratica clinica, l'omeopata e veterinaria Irmgard Baumgartner ci dimostra, infatti, come gli animali, in maniera naturale, rispecchiano e sono in sintonia con la nostra anima nel tentativo di alleggerirla quando ne abbiamo bisogno. Possono ammalarsi con noi, evidenziando i nostri stati d'animo, perché sono in grado di sentire le nostre emozioni.

Cani e gatti reagiscono, infatti, in modo chiaro e semplice quando ai loro amici umani accadono eventi drammatici come separazioni, lutti, cambio di casa, ecc.

Il dott. Ruediger Dahlke, grande esperto e amante degli animali, completa tali osservazioni con le sue personalissime esperienze a proposito di animali.

In questo libro ci aiuta a comprendere che gli animali sono un insostituibile e importante sostegno alla nostra esistenza: relazionarsi ad essi con cura e attenzione costituisce la migliore opportunità che abbiamo a disposizione per la nostra evoluzione personale.

Gli animali sono, dunque, in grado di provare sentimenti e perfino avere pensieri. Hanno un'anima, sono intelligenti e alcuni di loro hanno anche la consapevolezza di essere, perché si riconoscono quando si guardano nello specchio. 

Vivere assieme agli animali, per tutti noi, significa aprire gli occhi verso i bisogni della nostra anima

Parte 1
Ruediger Dahlke. Gli animali al nostro fianco

  • La mia esperienza con le creature a due e a quattro zampe

  • Strette relazioni con le personalità animali

  • Comunicazione attraverso l’anima

  • Disprezzo in nome della Chiesa e del consumismo

  • Animali: un’opportunità e un aiuto 

  • I bambini e i loro accompagnatori animali

  • Ripartizione del lavoro e sostegno terapeutico

  • Evolvere insieme anziché vivere a scapito degli animali 

  • I tempi sono maturi per il passo ulteriore

Parte 2
Irmgard Baumgartner. Un nuovo sguardo su salute e malattie degli animali domestici

La mia strada da veterinaria

Salute, malattia e guarigione considerate nel loro insieme

Casi esemplificativi tratti dalla mia pratica clinica veterinaria

  • I disturbi dell’equilibrio del cane Benno e i sogni infranti di Franziska 

  • L’ipertiroidismo della gatta Lotti e il trasloco di Christina

  • L’artrite della cagnolina Biene e l’indipendenza di Markus

  • Il glaucoma della gatta Betty e la separazione di Magdalena

  • L’epilessia della cagnolina Bella e le grandi preoccupazioni per Klara

  • L’asma della gatta Angioletta e la convivenza di Therese e Gerda

  • La pancreatite della gatta Rosi e l’esordio universitario di Jasmin

  • I disturbi digestivi del gatto Attila e le difficoltà di Daniel sul posto di lavoro 

Cosa ci raccontano le malattie degli animali domestici?

  • L’unità di tutti gli esseri

  • Amore incondizionato

  • La coscienza degli animali

  • Quando un animale domestico si ammala 

Un’assunzione di responsabilità

Ringraziamenti e dediche

Appendice - Pubblicazioni di Ruediger Dahlke

Bibliografia

Indirizzi

Formato: 1 pezzo

Prefazione di Stefano Cattinelli

L’incontro con gli animali

Mi sono allontanato volontariamente e consapevolmente da un approccio all’animale frettoloso e distaccato. Non potevo permettere che un modello precostituito avesse così tanta influenza sulle mie azioni quotidiane. Le visite frettolose mi facevano rimanere troppo in superficie, i mezzi diagnostici mi aiutavano ad andare più in profondità ma mi separavano dall’animale.

È una gran bella cosa quando nella vita comprendiamo di aver preso una direzione sbagliata e io me ne accorsi abbastanza presto, anche se poi mi ci sono voluti più di vent’anni per raggiungere un porto sicuro.

I mezzi diagnostici hanno il vantaggio di riuscire a dare un nome e cognome al problema di cui soffre l’animale, ma hanno il grosso limite di dividere l’animale stesso in tanti frammenti che non comunicano assolutamente tra di loro.

Se l’animale ha una dermatite, il problema è la pelle, se ha l’otite il problema sono le orecchie, se ha la diarrea, è l’intestino.

Ovviamente questo libro non intende negare o rifiutare il senso di tale approccio, quanto piuttosto mira a evidenziarne i limiti e soprattutto la ristrettezza percettiva nell’identificare sempre e comunque l’animale solo con uno o più organi malati.

Le specializzazioni professionali, così diffuse in medicina umana, negli ultimi anni vengono proposte anche nel contesto della medicina veterinaria e rappresentano la naturale tendenza dell’approccio scientifico.

Se da una parte concentrare tutta l’attenzione terapeutica solo su una sezione molto stretta della realtà (identifico ad esempio la diarrea come una sofferenza della mucosa del colon) risulta quanto mai essenziale per poter definire con un nome specifico la patologia, dall’altra tale approccio ha l’intrinseco difetto di essere troppo polarizzante. Per polarizzazione si intende un qualunque tipo di esperienza che rimane concentrata solo su un polo. La Terra, ad esempio, ha due poli: polo nord e polo sud. È come se noi conoscessimo perfettamente e nei minimi dettagli il polo nord ma del polo sud non conoscessimo neppure l’esistenza.

Salva

Salva